ARİFE KALENDER una rinomata poetessa e traduttrice Turca




LA POESIA DELLA SARTA

Mi hanno detto di essere il rovescio della stoffa
lascia che il tuo colore sia pallido e indefiniti i modelli
il rovescio della stoffa è anche il rovescio della vita
sii una persona morta, ma non dovrebbero vedere il tuo rosso

hanno detto così ma non ho prestato attenzione, io ero un materiale rigido
Ho preso le forbici, ho girato il rovescio nella parte dritta, l'ho attaccato al blu
l'amore si adatta ai vestiti, ho fatto il lavoro col punto cieco
mentre la macchina singer cuciva abiti della festa dentro di me
Mi pungevo distrattamente il dito

Avevo modellato la mia anima in anticipo
Pensavo che forse non si sarebbe  adattata alla luce del giorno in cui vivevo
Ho tagliato per far respirare il corpo
Ho fatto un taglio profondo, sono caduto nel peccato
la margherita stava bevendo acqua in quel momento dal filo del tessuto

uscendo da diversi pettini dei telai
alcuni sono di semplice tessuto americano, altri persiani
alcuni sono di stoffa stampata, del Kashmir o di fustagno
Ti ho riconosciuto dal tuo odore, dalla consistenza e dalla postura
Ho misurato il mio corpo, mi sono adeguata alla tua taglia

Ho capito dopo che l'ho tagliato in modo sbagliato
Ero una sarta principiante allora
ciò che sta nell'armadio è il vestito che non indosso
Ho fatto una sottogonna dei ricordi
lascia che non mi vedano esposta

con la luce proveniente dalla fuligginosa legna da ardere, la lampada con lo stoppino
Non toccava a noi  scambiare due anime con un bambino
qualunque cosa avessimo indossato, sarebbe stata adatta, rosso o zenzero
gli abiti erano un tocco di pelle setosa

Sono una sarta all'interno di un bazar coperto
la tessitura è cambiata, anche il design è cambiato
la mia trama è conosciuta; Sono fatta di parole
Misuro i suoni e taglio le sillabe
gli aghi e i fili funzionano come un orologio

Arife Kalender
traduzione a cura di Claudia Piccinno



Dopo essersi diplomata alla Scuola di Lingue Straniere, Università di Istanbul, è stata nominata insegnante di lingua tedesca alla Kadıköy Anatolian Junior High School; poi più tardi al Kadıköy Anatolian High School. È stata per molti anni insegnante e cordinatrice. Nel 1997 è andata in pensione. Il suo primo libro di poesie è intitolato "Maviler de Eskidi - The Blue Colored Ones Got Also Old" pubblicato dalla Cem Publishing House nel 1992. Oltre alle sue poesie, ha tradotto poesie dei seguenti poeti: Erich Fried, Gerhard Hauptmann, Georg Trakl, Ulla Hahn, Rose Auslander, Else Lasker Schüler, Mascha Kaleko, Albert Ehrenstein, Erich Keastner e Hilde Domin. Ha analizzato una trentina di maestri di poesia turca e questi lavori di ricerca, che sono stati pubblicati in versione estesa dalla Casa Editrice Kaynak sotto il nome di "Isole Poetry", hanno incontrato il placet dei lettori. Arife Kalender aveva prestato servizio tra il 1997 e il 2001 come segretario generale e membro del consiglio di amministrazione della PEN Writers Association turca. Essendo uno dei membri fondatori del BESAM (l'Associazione professionale dei titolari di opere scientifiche e letterarie) e Nâzım Hikmet, Arife Kalender era stata membro del consiglio di amministrazione e vicepresidente di BESAM tra il 2002 e il 2007. La sua terza raccolta di poesie intitolata " Suskun Resimler Durağı - The Station of the Silent Paintings "è stata premiata con il" Premio Behçet Aysan "organizzato dall'associazione medica turca. Il suo 7 ° libro di poesie "Deli Bal - Mad Honey" ha portato al suo Orhan Murat Arıburnu Prize 2005. Scrive di poesia ed educazione. Arife Kalender traduce opere letterarie dal tedesco. Tra il 2007 e il 2009 ha ricoperto il ruolo di Segretario Generale e Membro del Consiglio di Amministrazione del Sindacato degli Scrittori Turchi. Ha contribuito a circa venti libri e antologie con i suoi scritti. Negli ultimi anni ha scritto nel campo della letteratura per bambini.Tuttora continua a scrivere poesie e a fare traduzioni.

Nessun commento: