IT'S FRIDAY | Alcune poesie inedite di Elisabeth Ferrero

 





fotografia in copertina di Claudia Castanò


Stampa


Nel pallottoliere palline / colorate di rosso – giallo dietro la barriera dei nani con un tocco lieve la mano come sassolini / in riva a ruscelli o al mare Lei gioca con l’acqua, senza voltarsi lui le tira le trecce del vento / del resto senza domani


**


Ramo di ciliegio


È l’afflato di chi, una casa ma rimane, così dentro Erano -- forse quei fili, come fosse Natale / su per quelle scale addormentandomi poi all’alba

                                     sul tuo cuscino

Tra quegli anni (spersi) un ramo di ciliegio fiorito l’incanto tutt’attorno inciampando / una pioggia di colori affannosamente raccolti                                      dagli occhi E tu che mi chiami a volte nel buio / accecato dai passi il chiacchierio della semina nel vento La pena (appena)                                      nelle falde inquieta



**


Fatto di cronaca


Ritornano a quest'ora sanno di tiglio, reciso da poco sparso al di là delle valli percorrendo l'incrocio a tarda sera Una contrada qualunque (la minestra nei piatti) una mansarda in cinque, sui tetti, dietro la stazione I francobolli stentano a raccontare ma sono i passi tradiscono senza volerlo e poi girare all'angolo Bruscamente interrotta è la storia l'altro lato della vicenda / il buio si sposta lasciando il posto ai tronchi delle betulle; circospetta è l'assemblea di rami, foglie La luna si è alzata da poco la traccia di oggi è nelle ossa: bracciate di stelle in questa nota d’autunno


**


Didascalia


Senza dettami precisi rimuginati (dalla storia sopraffatta dalla lotta contro il cielo una folata di vento -- tutto bianco /

e non ci sembrerà vero aprire la porta, aspettando il nulla nell’aria quel soffio baluginato al paesaggio appariva da stringere al petto / anche dopo) Della giornata le voci nel silenzio; trasuda l’anima da tanto sentire / sagome in cerca di luce vagano




Elisabetta (Elisabeth) Ferrero è nata a Torino; attualmente vive nel North Carolina.
Ha conseguito un dottorato in italianistica dalla Rutgers University.
È stata allieva di John Lawrence Ashbery.
Docente universitaria.
Traduttrice di Antonia Pozzi.
Ha collaborato con Mario Luzi alla traduzione in inglese delle sue poesie, con alcune di queste apparse nel libro d’arte, Ad un tratto, (Edizioni O. Genzini & P. Daverio, Milano: 2003).
Ha pubblicato in varie riviste letterarie e libri negli USA e in Italia.


Tra le pubblicazioni più recenti in italiano, "Con i tropici di mezzo", (Collana Poesia La Vallisa, Tabula Fati, Chieti, 2022).

Nessun commento: