IT'S FRIDAY | Alcune poesie di Alessandro Burrone da "La sete, il sonno" (Fara)

 



Il fico seccato


Dove vai a cercare vagando
l’ultima parola sulla vita?

Il cammino, simile al canto, è movimento.
Il sole picchia forte e il vento porta via
le cose più belle. Si suda, si fatica,
ci si nasconde fra le lenzuola nel buio
del letto. Si lascia estinguere la sveglia.



**



È meglio avere davanti a sé
una pagina bianca. Sporcarla
il meno possibile. Ascoltarla,
scrivere solo quel che suggerisce
ma non toccarla se tace
quando nulla ti
dice. Potessi

fermarmi prima del disastro,
del verso sbagliato o della parola
di troppo. Potessi
non alzarmi dalla sedia
esausto, fare un respiro più lungo

trovare la vita.



**



Pietre sul muro a secco


Perché, dimmi
non fare sul serio, nasconderti
nelle pagine di un diario
e non nelle pieghe del cielo,
del vento,
nel volto di una persona accanto

sospiro queste parole
lasciate come pietre
sul muro a secco di un vecchio orto
incolto, che le trovi un giorno
a sparpagliarle il vento o la mano
di un ragazzino distratto
passando



**


Bisogna leggere tanto
prima di accorgersi del mare
e del cielo all’orizzonte
Che vedo da qui
seduto sugli scogli.


**


Fioca luce sulla scrivania
di una lampada accesa
il calore del termosifone
una mattina d’inverno
del pino ancora verdi
gli aghi e le tegole sbiadite
tranquille
davanti a me,
alla finestra.



**


Mi vesto
di fiori nel bosco
mentre cammino,
e del monotono suono
d’uccelli costante d’estate.

Mi vesto della sabbia
in riva al mare, del motore
delle macchine e dei pedali
d’una bicicletta, mi vesto del vento
in discesa, in mezzo a un paese
in collina, e delle case
che scorrono veloci a fianco. 

E anche della farfalla
che si posa per un momento
sul rampicante fiorito
di bianco torno torno al gazebo. 
Ma nudo sono qualcun altro.



**


Sì, amo il buio la notte
le sagome degli alberi nel cielo
i muri più ruvidi al tatto
più tenaci e fredde
le scale in un giardino,
il prato più verde
ogni cosa più distante
come il destino
e le stelle nel blu
infinitamente prossime.



**


Nostalgia carnale
sinfonia estrema
di luoghi conosciuti
e volti giunti ora

dal passato. Tempo
che non è tornato adesso
ma scorre qui a me
davanti con i sogni nelle

stanze che m’hanno alzato
negli anni la vita più
bella che pensavo: e

non vivevo per troppa
vita, per domande – punta
nella schiena – respiro nostalgia.



Alessandro Burrone è cresciuto tra Torino e Cigliano (VC), dove vive.


Si è specializzato nello studio della lingua e della cultura cinese all’Università Cattolica di Milano e all'Università di Lingua e Cultura cinese di Pechino.


Ha conseguito una doppia laurea magistrale in Storia e affari internazionali presso l’Università di Pechino e la London School of Economics and Political Science.


È al momento dottorando presso l’Istituto di Studi Internazionali dell’Università di Pechino, e collabora con diverse riviste e blog letterari.

Con Fara Editore ha esordito, nel 2022, con la raccolta di poesie "La sete, il sonno".

Nessun commento: