Pensieri di Aida Riccio sulle "Ballate" di Mariano Lizzadro



LA BALLATA D’AUTUNNO

Sei andato via in un giorno d’autunno 

nel silenzio con la musica e il ritmo fra le dita 

ero altrove e tu eri lontano dagli occhi 

e mi ricordo quando fumavamo l’ultima sigaretta

della sera e ridevamo a Roma caput Mundi 

benamata giovinezza di spiriti liberi

mentre il rumore di questa pioggia insistente

percuote il mio cuore e la mia anima

come un batterista fa sulla pelle del suo tamburo

*

LA BALLLATA DEI POCHI EROI 

Si succedono guerre e violenze con poche proteste 

mentre ce ne stiamo servili e complici nelle nostre
sventure 

di mani che fanno gli scongiuri sottobanco e il silenzio
della stampa

che ti vien voglia di prenderti da solo a calci in culo o
fra i denti.

Con lunghe file e strategie di marketing ci hanno escluso

lasciandoci come unica via un lume di una feritoia 

che è la storia di una tragedia antica che ritorna in scena

nel silenzio fragoroso e nell’indifferenza generale 

incatenati e in solitudine come figure d’altri tempi

se ne stanno i pochi eroi del mondo di oggi 

per un processo o farsa o per una qualche apparizione in tv 

e tutta una pletora di loschi figuri pronti al  contraddittorio

o a dire che il vaso di Pandora non è stato scoperchiato.

Ci vuole coraggio per dire la verità o costruire ospedali
in zone di guerra

*

LA BALLATA DEL BISOGNO APPAGATO

Coprivi la notte con la tua presenza e volavo con te

in spazi infiniti le mie parole non facevano rumore

una piccola barca in mezzo al mare in tempesta

che cerca la luce del faro e cantami una canzone
o una melodia 

fatta di arpe che accarezzi ciò di cui abbiamo
ancora bisogno


È difficile recensire un poeta e scrittore del calibro di Mariano Lizzadro. Le sue ballate sono una carezza al cuore ed al tempo stesso ci immergono in quelle realtà dure dalle quali quotidianamente vorremmo rifuggire. L'intensità dei sentimenti narrati, e che ci accompagnano verso dopo verso, si lega alla profonda cultura dell'autore che manifesta anche un'acuta conoscenza dell'animo umano. Non mi stupirei se i suoi versi venissero musicati. Speriamo di leggerlo un po' più spesso.

Aida Riccio

Aida Riccio è psicologa, psicoterapeuta e professoressa di sostegno. Ama la poesia, la musica e la letteratura sia classica che contemporanea. Ha pubblicato il suo primo libro in collaborazione con Rubina Corbisiero “Tra i sentieri del nostro viaggio" ed. Lupieditore. Recentemente ha ricevuto una lode poetica alla 23° edizione del "premio Rispo" e pubblicato il suo secondo libro "Francesca e i suoi messaggi - Viaggio sulla splendida isola di Zante". Attraverso la scrittura si propone di toccare anche tematiche attuali con leggerezza. 



MARIANO LIZZADRO, BALLATE
Associazione Culturale LucaniArt
agosto 2022
LucaniArt Magazine | Riflessioni. Incontri. Contaminazioni. (wordpress.com)



Nessun commento: