Tre poesie di Mauro De Maria da "Dal lago del cuore (MC Edizioni)

                                   


                                   Di silenzi emotivi ne ebbi anch’io

                                   e avrei dovuto farne

                                   fini esercizi di conversazione

                                   come avresti dovuto fare tu

                                   con le tue pause e le tue lunghe fughe

                                   perché adesso è il silenzio che ci guida,

                                   mezzo di conduzione

                                   d’un calore immutato

                                   e parole dal suono cifrato

                                   come se il dialogo

                                   fosse criptato in poesia

                                   che a prima vista acceca

                                   e a sprofondarvi svela i sedimenti

                                   di significato, così ti penso

                                   e nel lago d’inchiostro getto un sasso

                                   fonetico ch’è l’eco del tuo passo

                                   fin dove arrivano i cerchi di senso.


                           Quando mi volsi come a un tuo richiamo

                           silente in apparenza

                           ma di suono a frequenza preclusa

                           al campo umano

                           e dall’alto dei colli

                           scortata dall’estate

                           vidi la città eterna illuminata

                           fu la conferma che tutte le strade

                           convergono, per quanto

                           non portino a Roma ma a te;

                           per secoli cartografi e geografi

                           con algida fiducia

                           hanno posto reticoli sul mondo

                           lavorando di mimesi incolore

                           e con fallibili dati concreti,

                           ignorando la scienza dei poeti

                           e la via che dagli occhi porta al cuore.

 


                                  Nelle sue eccelse Vite d’immortali

                                  scrisse il Vasari che Paolo di Dono

                                  mutato ed eternato in Paolo Uccello

                                  fosse sordo ai richiami della moglie

                                  in attesa nel letto;

                                  immerso totalmente nel disegno,

                                  rapito solo dalla prospettiva

                                  progettava il divino.

                                  Ma io certo non t’avrei resistito

                                  e forse come immenso atto d’amore

                                  per eccesso di fede o intuito retto

                                  hai lasciato questa vita terrena

                                  che risuona dell’eco d’armature

                                  percosse in battaglia e baci agli stalli

                                  della metrica a snodare stesure

                                  come brilla di luce alle pitture

                                  l’oro nei finimenti dei cavalli.

 

Mauro De Maria è nato a Parma, dove risiede, il 10/05/1960. Ha pubblicato singole poesie in antologie e riviste e tre volumi di versi per i tipi di Book Editore: “Trame e Orditi” (2013, con una nota di Michele Abbati) terzo posto a pari merito al Premio Pascoli sezione opera prima e secondo posto al Premio Va Pensiero; “Beatritz” (2017, con una nota di Giuseppe Marchetti) secondo posto al Premio Crovi;  “Gli Orecchini” (2019, con una nota di Alberto Bertoni). Nel 2017 un profilo di “Beatritz” con testi e letture è apparso nel sito di Radioemiliaromagna e nel 2019 una scelta di alcune poesie ed un breve commento allo stesso libro è stato proposto in traduzione francese nella rivista “Recours au poeme”. Nel 2018 suoi testi sono entrati a far parte dell’antologia  “Testimonianze di voci poetiche 22 poeti a Parma” (puntoacapo editrice). “Dal lago del cuore” (2022, MC edizioni, con una nota di Pasquale Di Palmo) è il suoquarto libro di poesie.

 


Nessun commento: