Tra le righe di un concerto inutile

 Concerto Inutile di Alessandro Zaffini

Prefazione di Riccardo Deiana 

Fara Editore

Recensione di Laura Sansone pubblicata il 18/01/2022


BRUSIO DI TAOS

l'antenna butta sassi nel vuoto 
trasmette messaggi che non sono messaggi 
dritta nel deserto non comunica 
lancia fruscii per nessuno.
 
nessuno ne conosce la lingua 
non parla il futuro né il passato 
nessuno coglie il valzer sbilenco 
lo si prende per cicale 
ma l'antenna non dice niente che esista 
nemmeno per loro 

nella mia immaginazione il rumore 
è dato da un'antenna generata per concentrazione
                                                                       di assurdi
in un punto del deserto che nessuno ha scoperto

il mondo continua a ciarlare
in separata sede

dolce brusio
non trovo il tuo volto 
dolce brusio 
da dove provieni? 
si può cancellare una vita 
come una frase sbagliata? 
dolce brusio 
tu sei come me? 
si può cancellare una vita 
con una riga sopra?

Uno scorcio della vita quotidiana del poeta, tanto idealizzata dal lettore e descritta cinicamente o forse semplicemente realisticamente da Alessandro Zaffini
Concerto Inutile è un raccolta di poesie intensa, a volte crudele a volte lirica. Dove ogni parola sembra pullulare di vita, avere una storia e appartenere ad un'armonia più grande.

Nessun commento: