Claudia Piccinno legge Notizie da Patmos


 Poesia.LaVitaFelice.it - Vendita online Libri e Poesie
Notizie da Patmos
di Fabrizio Bregoli
La vita felice

Un titolo che sembra un ossimoro ed è in antitesi con il messaggio generale del libro.
Occorre capire bene cosa è Patmos e cosa lì accade all'apostolo Giovanni.
Patmo (in greco: Πάτμος Patmos) o Patmos, è un'isola dell'Egeo. L'isola è famosa poiché, secondo un'antichissima tradizione cristiana, l'apostolo Giovanni fu qui esiliato dall’imperatore Domiziano dal 95 al 100 d.C. Durante questo periodo egli ebbe le sue famose visioni da Gesù, che portarono alla redazione del Libro delle Rivelazioni.[1]....

Il termine notizie allude a informazioni, resoconti, aggiornamenti, qualcosa di accertato.
Patmos è la sede della folgorazione, della rivelazione.. Eppure conclude Bregoli qui non ci sono rivelazioni. L’ossimoro è qui quasi un rebus, un dettaglio nascosto, ma è fondante. Come fondamentale è l’antitesi tra l’uomo e Dio, ma è un’antitesi dialettica che mai sfocia nel conflitto.
C'è un dialogo costante tra scienza e credo religioso, tra invenzione e preghiera. Basta consultare l’indice e i titoli dei componimenti per capire come fede e ricerca si inseguano in una tenzone quasi amorosa a colpi d’inchiostro. Diciamo solo l’incendio dei nomi…
Altro elemento costante tra misteri ingloriosi e ricerca quantistica è il rapporto col padre, la comunicazione sofferta, intermittente, la necessità del gesto, della concretezza per poter riattivare il ciclo del silenzio, perché non si scrive d’amore, lo si dimostra per assurdo. C’è nel suo poetare un estrudersi dal corpo, l’ambire a un senso e l’ardire un passo in più, un verso oltre; è tangibile il suo volersi collocare in un ordine compiuto e in uno spazio immutato continuo, tra la fine e l’inizio in un agire circolare…il non riuscirci è quello che il poeta definisce dislessia di un noi impronunciato e che altro non è se non la difficoltà a consolidare il nostro posto nel mondo in relazione agli altri, alle nostre origini e all’ignoto che ci attende.
Notizie da Patmos:sicuramente il più bel libro di poesia che abbia letto in questi ultimi mesi.
Claudia Piccinno
Direttrice in Europa del World festival poetry













Biografia di Fabrizio Bregoli




Risultati immagini per foto fabrizio bregoli
Fabrizio Bregoli, nato nella bassa bresciana, risiede da vent’anni in Brianza. Laureato con lode in Ingegneria Elettronica, lavora nel settore delle telecomunicazioni. Ha pubblicato alcuni percorsi poetici fra cui “Cronache Provvisorie” (VJ Edizioni, 2015 – Finalista al Premio Caproni) e “Il senso della neve” (puntoacapo, 2016 - Premio Rodolfo Valentino 2016 e Premio Biennale di Poesia Campagnola 2017, Premio della Critica al Dino Campana 2017, Finalista ai Premio Gozzano, Merini, Caput Gauri). Il suo ultimo lavoro è "Zero al quoto" (puntoacapo, 2018) con prefazione di Vincenzo Guarracino. Sue opere sono incluse in Lezioni di Poesia (Arcipelago Itaca, 2015) di Tomaso Kemeny e in numerose altre antologie. Con il poemetto ENIAC è inoltre incluso in iPoet Lunario in versi (Lietocolle, 2018). Ha inoltre realizzato per i tipi di Pulcinoelefante la plaquette “Grandi poeti” (2012). Partecipa a letture poetiche, dibattiti culturali e blog di poesia. Ha preso parte ad alcuni eventi di azione poetica mito-modernista e alcune sue poesie sono state esposte congiuntamente a opere pittoriche in eventi organizzati dall’associazione Civico32 a Bologna. Ha conseguito numerosi riconoscimenti per la poesia inedita, fra i quali gli sono stati assegnati i Premi San Domenichino, Marietta Baderna, Lino Molinario, Daniela Cairoli, Giovanni Descalzo, Luciano Nicolis, Piemonte Letteratura, Terre di Liguria, Il Giardino di Babuk, il Premio “Dante d’Oro” dell’Università Bocconi di Milano, il Premio della Stampa al Città di Acqui Terme. Sulla sua poesia hanno scritto Tomaso Kemeny, Giuseppe Conte, Vincenzo Guarracino, Mauro Ferrari, Ivan Fedeli, Sergio Gallo, Sebastiano Aglieco, Paolo Gera, Eleonora Rimolo, Gian Piero Stefanoni, Laura Caccia, Pierangela Rossi, Enea Roversi, Antonella Pierangeli.

Nessun commento: