Jasmina Sfiligoj

Jasmina Sfiligoj



Jasmina Sfiligoj è nata il 9 agosto 1963 a Zagabria, in Croazia. Il suo amore per la poesia iniziò a svilupparsi nelle scuole elementari, nel gruppo letterario, quando furono scritte le prime poesie. Dopo una lunga pausa, ha continuato a scrivere nel 2018 e finora le sue poesie sono state pubblicate in trentacinque raccolte internazionali di poesia e diverse riviste letterarie. Ha ricevuto numerosi attestati e riconoscimenti per il suo lavoro. È prevista la pubblicazione della prima raccolta indipendente delle sue poesie. La sua scrittura continua nelle varie piattaforme online significative e nei portali web. E-mail: jsfiligoj@yahoo.com


Un frutto dell'immaginazione

Ora che è tutto finito
e non si torna indietro non mi interessa più dove sei o come sei Se sei solo o se stai baciando qualcuno
Se reciti e racconti favole
piene di false promesse
in un mare di parole vuote.
Stai facendo quello che sognavi
o sei infelice nel tuo sogno?
Sei vero?
O solo frutto della mia immaginazione?
Sai che la mia immaginazione è immensa,
può tutto
quello che desidero.
Alzati in paradiso rendi te il centro dell'universo
come una divinità, oppure autoeliminati.
Naviga nel mondo virtuale,
sostituisciti con qualcun altro,
con l'eroe di una storia più bella.
Dovrei sopprimerti nella mente
come se non fossi mai esistito,
come se fossi morto tanto tempo fa. Proprio come quell'amore che è morto
così
all'improvviso,
senza essere preannunciato, lasciando
solo uno di noi
in profondo lutto e disperazione.

Il colore dell'amore

Qual è il vero colore dell'amore?
Che sfumature e note ha
mentre il destino dipinge su tela
sul cavalletto della nostra vita?
È bianco innocente come il viso dei bambini?
Piccolo come le guance di una bambina timida, magari come
i frutti verdi acerbi in primavera?
Forse arancione caldo o rosso appassionato?
È giallo di dubbio e gelosia?
Viola come desiderio, blu come il mare profondo
o grigio di noia e di lamenti,
nero di litigi, bugie e imbrogli?
I colori sbiadiscono e svaniscono,
solo uno brilla sempre come l'oro.
È il più duraturo di tutti è il colore dell'amore
di una madre.

Isola invisibile

Non è indicata su nessuna mappa,
sita oltre l'orizzonte,
con un volto invisibile che nessuna nave raggiungerà.
Quell'isola misteriosa
nessuno la vivrà mai in quel posto
l'onda urta contro una scogliera
e i gabbiani uccidono la noia,
questo è il loro unico ruolo.
Un vento tempestoso rimbalza sulle rocce, penetra furiosamente attraverso il buio.
Solo le onde arrivano sulla riva deserta lasciando una scia sulla spiaggia senza nome.
In alto mare,
alla fine del mondo, tutti gli inverni e le estati passano uguali. Il signore di quell'isola è il santo silenzio,
ma una vita senza scopo non avrà mai senso.

Traduzione italiana di Emanuela Rizzo




Nessun commento: