Nuvole sparse: Paolo Gagliardi

TRA LOM E SCUR

U n’s’vó fé dè
e a n’so piò boun d’ciapé sön.
A ’rmest a que cun i mi pinsir
a guardér e’ culór dal stël.
E pu d’böta u s’liva e’ sól,
una luṣ acsè fórta ch’la t’chéva j oc.
Int l’aria u s’è turné a fé sintì
l’udór dla tëra,
un rispir ch’l’è la vóṣ dla vita.

L'ALBA

Non vuol far giorno
e non sono capace di riprendere sonno.
Resto qui con i miei pensieri
a guardare il colore delle stelle.
Poi d’un tratto sorge il sole,
una luce così forte da abbagliare.
Nell’aria è tornato a farsi sentire
il profumo della terra,
un respiro che è la voce della vita.

Paolo Gagliardi


Nessun commento: