Comu mori na stidda (Flora Restivo)

Versi asciutti e focalizzati sull'essenziale, questi di Flora Restivo: l'uso del siciliano li rende corposi e materici pur nella loro carica di autentica spiritualità. Ci accompagnano come domande/risposte cristallizzate e preziose, come quelle “quaestiones” che ci travagliano («Il cervello non si stanca di martellare pensieri / che muoiono zoppicando ») e ci trasformano fin a diventare punti di riferimento indispensabili ai nostri passi.


Diu


Crìdimi.

T’àju circatu
‘n-menzu a la genti

sula

‘n-funnu a na chiesa
nna l’occhi d’un picciriddu
nna ddu murmuriari
di pàmpini
chi s’abbannùnanu
a lu ventu.

(Dio Credimi. // Ti ho cercato / in mezzo alla gente // sola // in fondo ad una chiesa / negli occhi di un bambino / in quel mormorio / di foglie / che si abbandonano / al vento.)


Na vita

Zoccu resta
di tia
di mia.

Un pinzeri
na botta di càudu
na taliata

scorci di mandarinu
supra a la tuvàgghia
ventu di Jinnaru.

N’ura
na vita.

(Una vita Che rimane / di te / di me. // Un pensiero / una vampata / uno sguardo // bucce di mandarino / sulla tovaglia / vento di gennaio. // Un’ora / una vita.


Farfalla chi canta

Nna stu silenziu
biancu di luna

l’arma mia

è
farfalla chi canta
supra a na muta
corda
di viulinu.

(Farfalla che canta In questo silenzio / bianco di luna // l’anima mia // è / farfalla che canta / sopra a una muta / corda / di violino.)



L’ultimi stiddi

L’arrancata
parissi arrè li spaddi.

Qualchi muntarozzu ancora
lu pinninu
e sugnu ‘n-casa.

Di lu sularu allongu na scala
l’acchianu cu l’ali a li pedi
e cògghiu giustu ‘n-tempu

l’ultimi stiddi.


(Le ultime stelle La parte più dura della salita / sembrerebbe alle spalle. / Ancora qualche collinetta / la discesa / ed eccomi a casa. // Dal solaio protendo una scala / salgo con le ali ai piedi / e colgo appena in tempo // le ultime stelle. )


Comu pàssari

Talìu quatri
tappiti
seggi antichi e stròcchiuli d’argentu
disiati
arricugghiuti a picca a picca
e mi sentu accupari.

Nna li spaddi
un firriolu di chiummu
jammi e vrazza
marruggi camuluti.

Sugnu stanca.
Lu ciriveddu
nsisti a martiddiari pinzeri
chi mòrinu zuppiannu
comu pàssari
cu l’ali stuccati.

(Come passeri Vedo quadri / tappeti / sedie antiche e cianfrusaglie d’argento / desiderati / raccolti a poco a poco / e mi sento soffocare. // Sulle spalle / una cappa di piombo / gambe e braccia / pezzi di legno fradicio. // Sono stanca. / Il cervello non si stanca di martellare pensieri / che muoiono zoppicando / come passeri / con le ali spezzate.


E poi

Vògghiu mòriri
comu mori na stidda:

un mari di luci
e poi …

SILENZIU.

(E poi Voglio morire / come muore una stella // un mare di luce / e poi … / SILENZIO.)



Senza chi ti n’addunassi

Lu sai, matri
l’ùltima cosa chi vitti di tia
foru li capiddi.

Ju ti circava l’occhi
tu taliavi n-siccu n-siccu
na fedda di pani cu l’ògghiu,
ju aspittava
lu tempu
no.

Passai a li toi spaddi
li jita aggragnati
tuccaru
ddi rìcciuli bianchi:
nun ti vutasti
nun mi sintisti.

Mmissennu
niscivi di la to vita
accussì comu ci avia trasutu:
senza chi ti n’addunassi.

(Senza accorgertene Lo sai, madre, / l’ultima cosa che ho visto di te / sono stati i capelli. / Io cercavo i tuoi occhi / tu guardavi fisso fisso / una fetta di pane e olio, / io aspettavo / il tempo / no. / Mi misi alla tue spalle / le dita intirizzite / sfiorarono / quei riccioli bianchi: / non ti girasti / non mi sentisti. / Camminando a ritroso / uscii dalla tua vita / allo stesso modo in cui vi ero entrata: / senza che te ne accorgessi.)


Flora Restivo, Trapani 1941.
Poeta, narratore, saggista.
Ha pubblicato: Ciatu, 2004.

2