Connessioni. Antologia di autoaiuto poetico in tempo di lockdown, curata da Claudia Zironi e da Gabriella Musetti

 

 




Da poco uscita con Vita Activa Nuova Editrice: Connessioni. Antologia di autoaiuto poetico in tempo di lockdown, curata da Claudia Zironi e da Gabriella Musetti.

L’antologia è risultata da un esperimento di resistenza all’isolamento durato due anni: una chat aperta nel 2020, durante il primo lock down, con poeti e poete che si confrontavano, leggevano testi propri e altrui, conversavano, a volte litigavano o brindavano insieme, tutti separati fisicamente, costretti nelle proprie case. Connessioni. Antologia di autoaiuto poetico in tempo di lockdown riprende l'idea propria dell'esperimento: affidare a un sentire collettivo e alla parola poetica una scelta precisa del proprio stare nel mondo, oltre e contro le difficoltà dei momenti drammatici che tutti abbiamo attraversato.

 

L'antologia contiene le voci di Luca Ariano, Daniele Barbieri, Francesca Del Moro, Leila Falà, Raffaela Fazio, Serenella Gatti Linares, Marilina Giaquinta, Loredana Magazzeni, Gabriella Musetti, Silvia Parma, Maria Concetta Petrollo, Toni Piccini, Marinella Polidori, Valeria Raimondi, Sergio Rotino, Enea Roversi, Elisabetta Sancino, Claudia Zironi, Anna Zoli.

È illustrata con foto di Daniele Barberi.

 

 

Dall’introduzione di Claudia Zironi: “Ed eccolo, dunque, il libro, rivolto lato sensu al mondo della relazione, intessuto da diciannove voci molto diverse l’una dall’altra che introducono in prosa per poi sviluppare in poesia, spesso con testi anche precedenti il periodo di emergenza sanitaria, il loro vivere la tremenda modernità del termine “connessione”, proprio del registro tecnico dell’informatica e dell’elettronica, applicato all’umano abitare questo nuovo mondo liquido nel quale siamo sempre più isolati e diffidenti, incapaci di unirci in collettività…”

 

Dalla postfazione di Gabriella Musetti: “La poesia si pone in ascolto, a volte prende la funzione di rimappare, ricartografare l’esistente, specie nel trauma, attraverso parole da recuperare nel presente, materiali da far circolare per rendere pubblica una esperienza che è stata fuori dell’ordinario. Una esperienza di resistenza nata per caso, portata avanti senza una reale consapevolezza della sua rilevanza, ma che ora può essere letta come luogo di riflessione, di osservazione di quanto di straordinario è accaduto.”

 

 

Alcuni testi scelti dal libro:

 

Nasciamo dal e nel contatto. E attraverso il contatto continuiamo a vivere, definendoci di volta in volta, mentre scopriamo nuovi luoghi di appartenenza e di passaggio. Quando il contatto non è semplice caso ma desiderio, ci troviamo a far parte di una “connessione”, che implica lo sforzo di allacciare o riallacciare una relazione, la volontà di richiamare a sé l’altro e di offrire all’altro parte di ciò che si è. La ricerca della vicinanza può prendere molteplici forme; la memoria e la scrittura – che di memoria si nutre, ma che si proietta anche in avanti, oltre l’attesa – sono due canali privilegiati. Tuttavia, ogni vera connessione è fatta sia di vicinanza che di distanza, ovvero di quello spazio necessario alla messa a fuoco e al respiro, lontano dall’illusione del possesso e del controllo. Perché qualsiasi scambio si inscrive in un orizzonte più ampio, in una rete di “corrispondenze” che abbracciano l’esperienza singola, contingente, e ne fanno prezioso “trasmettitore” all’interno del circolo virtuoso attraverso il quale il senso non solo informa, ma trasforma.

 

Raffaela Fazio

*

 

 

Spargimenti

 

Sono rotonda come un globo

che accarezza il vostro buio e non lo infilza

con parole impervie e delittuose

almeno per ora

la lingua bagna e svela l’antro in fiore

lo spargimento immotivato della vita

sulla breccia amara

il regale dissiparsi delle gocce

sfuggite a un piccolo colpo di tosse

mentre la parola scende

e si connette.

 

Elisabetta Sancino

*

 

 

RENAISSANCE

 

I fiori non sbocciano mai una volta sola

 

I fiori aspettano

le radici attaccate al suolo

E la rugiada di mille anni di attesa a nutrirli

Come se fossero passeri o farfalle

Che però non appassiscono

E attendono l’Attimo di Vita

quell’attimo che li risveglierà

 

I fiori non nascono mai una volta sola

Perché sono eterni

Fanno nuovi colori Nuovi fremiti

Nuovi giochi di petali e stami

Con il verde degli alberi

E un mare lontano che mai vedranno

 

Ma sanno

E il resto non importa

 

Silvia Parma

*

 

 

Esilio

 

Proteggo il mio esilio con destrezza

non consumo parole, mi disarmo

mi relego dove i pensieri non s’adirano

e un vento quieto entra a sollevarli

Che non mi scovi l’altra nello specchio

e non mi allieti la storiella del destino

ché non abbisogno ora di segni ma di mani

che forgino daccapo il tempo e la materia

 

Valeria Raimondi

*

 

 

[…] È in quei giorni che ho scoperto, stretta intorno a me, l’esistenza di una comunità poetica. Una comunità che da mesi, instancabilmente, mi sostiene, insieme agli altri amici e ai miei familiari. Posso fare mia, ora, quella che prima mi sembrava una banalità: la poesia salva. Ha salvato me permettendomi di scrivere del dolore e sopportarlo, ma soprattutto facendomi conoscere tante persone che non smettono di darmi aiuto, conforto e amore. È grazie a queste connessioni, molte delle quali stabilite e mantenute in rete, che io oggi sono viva, e ho ancora una speranza. […]

 

Francesca Del Moro

*

 

 

__________________________

 

 



Connessioni. Antologia di autoaiuto poetico in tempo di lockdown

A cura di G. Musetti, C. Zironi

Editore: Vita Activa Nuova

Collana: Poiein

Data di Pubblicazione: 2022

ISBN: 1280771038

Pagine: 176

Formato: brossura

Euro.15,00

ordini@vaneditrice.it

Nessun commento: