4 poesie di Stefania Crozzoletti

I versi di Stefania scorrono, suono veloci e apparentemente facili, ma poi lasciano un sedimento prezioso e corrosivo, simile a quello sguardo socratico sul mondo che ci aiuta ad accettarne l'assurdo, quel lato di dolore oscuro e inspiegabile che insidia da sempre la vita di ciascuno, quel lato che dà valore ad ogni gesto, ad ogni scelta, perché in fondo li rende quotidianamente eroici, se trovano quella misura etica e antropologica che il nucleo fondante e vero dell'uomo: «Il castello di carta è crollato / per fortuna / sono fatta di carne»


GENTILE PAZIENTE

“Gentile paziente,
alla fine di tutti i possibili sentieri
percorsi in lungo e in largo
terminato il lamento
appare chiaroscuro
che per scrivere deve vivere
e se deve
vivere
non Le è consentita la fuga”

Quindi amor mio
non cercherò un eremo dove chiudere le ali
per riposare finalmente
sfornando impeccabili torte di mele

Asciugo, amor mio,
le noiose lacrime
e annuncio agli indifferenti
che rimango qui
a scrollarmi la sabbia dalla pelle
a levarmi lo sporco dalle unghie
ad accogliere decifrando
i temporali emotivi
che spesso mi atterrano
e talvolta mi elevano

Mi siedo in prima fila
a guardar morire il malato terminale
e i dementi che lo prosciugano

Rimarrò anche
a sepoltura avvenuta
per vedere se nasce qualcosa
dalla terra e dalla cenere

Rimarrò
anche dopo
finché lo spettacolo sarà gratuito



PRANAYAMA PER DILETTANTI

C'è l'Universo
e ci sono i miei piedi
i miei polmoni
da riempire d'aria
e il diaframma
da abbassare e rialzare

Un passo
su una terra ospitale
un altro
il peggio è passato

mi basta ricordare di respirare
la parte migliore
del mondo

Mi salverò chiudendo le porte
ai rapaci
che ho nutrito fino a ieri


VECCHIA PAZZA

Vorrei essere stata
una bambina lieve
vorrei diventare
una vecchia pazza

Vorrei una vita in regressione
pensieri morbidi e tondi
che esplodono per diventare
disordinato pulviscolo
danzante
ilare
dispettoso
che solletica il naso di Dio

Uno starnuto cosmico
è il big bang
della mia età matura



WALL STREET

Il castello di carta è crollato
per fortuna
sono fatta di carne

Dio benedice le guerre
grazie al cielo custodisco
la mia idea di divino

Nevrosi divorano l'uomo
le mie le ho avute
metabolizzate
poi evacuate
al loro riaffiorare
mi metto l'armatura
resisto alla chiamata
del mondo occidentale



Stefania Crozzoletti è nata e vive a Isola della Scala (Verona). Laureata in Economia e Commercio, si occupa di studi e ricerche economiche. Sue poesie sono state pubblicate nelle antologie della Giulio Perrone Editore Pensieri d'Inchiostro III edizione e La notte. I grandi temi della poesia. La sua raccolta (Non sono un) poeta è stata segnalata nel concorso di Fara Editore Pubblica con noi 2008.

2