Aschi e maravigghi di Sicilia

di Marco Scalabrino (marco.scalabrino@alice.it)


Virtuali e guàrdati

Siddu na vota
stabilisci tu e tu sulu
zoccu e comu e cu cui armari,
goditi ssa frevi.

Unni lu celu
fàgghia na scala di battista
e na sinfunia a ogni pidata,
ddocu è la to vasa.

Quannu lu roggiu
scurri nnavanti e nnarreri
e a crapicciu to si ferma e scumpari,
tannu poi vulari.



Virtuale e guardati

Se una volta / tu e solamente tu riuscissi a stabilire / cosa come chi della tua vita, / goditi quella febbre. // Dove il cielo / libera una scala di batista / e una sinfonia ad ogni passo, / quella è la tua meta. // Quando il tempo / schizza avanti e indietro / e a tuo piacimento si ferma e scompare, / allora potrai volare.



San Gennaro, chi ura è?

Fora scena
un doppupranzu
a quarant’anni
senza na smorfia
un cafè
‘n-applausu.

Tu cori pazzu e malatu
tu Capitan Fracassa
tu Splendor,
quali pusteri discretu
ti cunsignau ssa littra
l’ultima
tutta tua?

Chiù tardu
nna l’Hotel Colonial
poi ricuminciari di tri e menzu
siddu voi
poi pinzari zoccu ti piaci e pari
di l’amuri
di li strati finuti
di lu Signuri
poi …
senza mai addumannari scusa.

A nuatri
nna stu stolitu Sabatu di Giugnu
nun n’arresta chi chianciriti.


Fuori scena / un pomeriggio / a quarant’anni / senza una smorfia / un caffé / un applauso. / Tu cuore pazzo e malato / tu Capitan Fracassa / tu Splendor, / quale postino discreto / ti ha consegnato quella lettera / l’ultima / tutta tua? / Più tardi / nell’Hotel Colonial / potrai ricominciare da tre e mezzo / se vorrai / potrai pensare cosa ti piace e pare / dell’amore / delle vie finite / del Signore / potrai … / senza mai chiedere scusa. / A noi / in questo stolto Sabato di Giugno / non ci resta che piangerti.


Dammilli a mia

Zoccu n’accanzi chiù
di l’occhi toi rifardi
lu jornu chi di bottu
sgabbillisci e attranti?

Vittiru li stiddi
lu mari li muntagni
sappiru la strata
la puisia la scienza
pottiru lu chiantu
la fantasia l’amuri...
ma tannu su’ scucivuli
vasci ntamati nugghi.

Avissiru statu virdi
azzoli o niurincioli
dammilli a mia ssi brinnuli
avanti chi s’astutanu;
a mia pasciutu a l’ummira
a mia chi campu scuru.
DAMMILLI!
Chì ancora ponnu cerniri
strucchiuliari, ridiri.
Dammilli; p’un miraculu.


Che ne farai più / degli occhi tuoi malandrini / il giorno che d’un tratto / la morte, ti coglierà? / Avranno visto le stelle / il mare, le montagne / conosciuto la strada / la poesia, la scienza / potuto il pianto / la fantasia, l’amore / … ma quel giorno saranno inespressivi / bassi, allampanati, spenti. / Siano essi verdi / azzurri o neri / regalali a me i tuoi cristalli / prima che si spengano; / a me cresciuto nell’ombra / a me vissuto nel buio. / REGALAMELI! / Perché ancora possano scegliere / adoperarsi, ridere. / Regalameli; per un miracolo.



Aschi e maravigghi di Sicilia

Pi nascita, dirittu, cardacìa
di li radichi a la storia
st’ammàttitu m’apparteni.
Sulu tri pilastri
ncucciati cu puzzulana d’amuri
e tennu ‘n-pedi un munnu.

Un jornu
russu sulu nna lu me calannariu
un ancilu
paratu ad arti a l’amu di li stiddi
m’addiccò
fu na vota e pi sempri
a li soi ali.

Successi.
E siddu nun fu spassu
preju ogni novu mercuri
pi ssu miraculu
e aspettu.
Zoccu autru pozzu fari?

Ammuttanu li staciuni
cu soli di coriu sempri novu
e allonganu, a botta a botta
la prucissioni di judici
manetti, tabbuti.

Ju zeru
ju laparderi
ju senza travagghiu
ju bucatu
ju sucasimula
ju l’Aids a tagghiu
ju mafiusu
ju cascittuni
ju nuddu spiragghiu
ju… nun lentu mai di bistimiari.

Autri a spassu.
Stu jornu macari.
Ssa frevi ammartuca li mei carni
e mancu un ponti
luci
pi sbraccari.

Mastru Lunniri, scattusu
addimura
e attocca a mia
nun pozzu fujiri.

Matri
sapi d’addauru, zorba, marvasia
lu ciuri spajulatu a la to sciara
e lu ciauru
di li naschi, lu sangu, lu senziu
nun si lava chiù.


Frammenti e meraviglie di Sicilia

Per nascita, diritto, batticuore
dalle radici alla storia
questa combinazione mi appartiene.
Solo tre pilastri
saldati con pozzolana d’amore
e reggono il mondo.

Un giorno
festivo solo nel mio calendario
un angelo
spedito in avamposto dal cielo
mi avvinghiò
anima e corpo,
alle sue ali.

E’ accaduto.
E se non è stata burla
prego ogni nuovo mercoledì
ché questo miracolo si ripeta
e aspetto.
Cosa altro potrei fare?

Si susseguono le stagioni
con suole di cuoio sempre nuovo
e allungano una botta dopo l’altra
la processione di giudici
manette, casse da morto.

Io nullità
io parassita
io disoccupato
io a rischio Aids
io cicisbeo
io drogato
io mafioso
io delatore
io disperato
io ... non smetto mai di bestemmiare.

Anche oggi
qualcuno perderà il lavoro.
Questa febbre fiacca le mie membra
e non un solo ponte
s’intravede
per superarla.

Mastro Lunedì, dispettoso
s’attarda
e spetta a me
non ho scampo.

Madre
sa di alloro, sorba, malvasia
il fiore scaturito dal tuo rovo
e il suo profumo
nelle narici, nel sangue, nei sensi
persisterà in eterno.


(v. anche qui e qui)

0