IT'S FRIDAY | Alcune poesie di Gisella Genna da "Quarta stella"

 





C’è un soffio nel mio cuore, un salto
ma non si può sentire.
Lo sguardo tra le dita, osservo
e non vedete voi me.
L’estate dopo pranzo andavo
sola verso il salice
mentre tutto si incrinava:
erano valli infrante,
e l’altitudine mi liberava
da quella voce flebile di padre.



***



Dei fiori rosa asiatici ho memoria
ritratto nell’orto botanico, nel cielo 
di Milano. Grigio della goccia
che fende la guancia:
noi siamo specie, regno, raggiungimento.
Era il primo giorno dell’anno e morivo
nella casa dell’infanzia, i muri disegnati. 
Dove sono stata, dove sono andati 
i soli che ora tornano.



***



Era un esistere impreciso, 
uno scarto, camminare
in tempi e cieli distanti
tra bordi e mura di ogni luogo
nelle trame di una città:
corpi amati, destinati.
Trovarsi nell’afa di un’estate
sulle rive di un continente;
io ero lontanissimo, ero qui.



***



Un sole radente sulla curva dell’esistere. Sono un pez-
zetto di carta nell’acqua. Sono tutti questi strappi.






Gisella Genna è nata nel 1973 a Milano, dove vive e lavora.

Giornalista e docente, si occupa di moda. A marzo 2020 è uscita per Interno Poesia la sua prima raccolta in versi Quarta stella.

Si sono occupati della sua poesia blog letterari e riviste cartacee e online tra cui La Lettura – Corriere della Sera, la Repubblica, Atelier, La dimora del tempo sospeso, Carteggi Letterari, Il Rifugio dell'Ircocervo, Rai Poesia, Inverso, e altri.

Nessun commento: